Se mi tornassi questa sera accanto, un romanzo di rara bellezza

Se mi tornassi questa sera accanto, un romanzo di rara bellezza

Uno scrigno di infinita grazia e rara bellezza, che racchiude la suggestione toccante delle storie che arrivano al cuore, parlando sottovoce. “Se mi tornassi questa sera accanto” è l’ultimo libro di Carmen Pellegrino, edito da Giunti: una storia familiare, narrata con inusitato candore e capace di toccare le corde dell’anima di chi dipinge le assenze diluendo pensieri d’acqua dolce e… Leggi tutto

La chimica della bellezza, un libro che arricchisce il lettore facendolo ridere

La chimica della bellezza, un libro che arricchisce il lettore facendolo ridere

I libri ci chiamano. Sanno riconoscere i lettori e sanno arrivare nelle mani giuste, facendosi notare con il loro fascino discreto, fatto di titoli, colori di copertina, incipit intriganti e trame che promettono le storie che abbiamo voglia di farci raccontare. La magia è tutta lì: nell’attimo in cui il lettore scopre la sintonia con un libro e decide di… Leggi tutto

“Nel nome di ieri”, l'opera dell'anno secondo i presìdi del libro

“Nel nome di ieri”, l’opera dell’anno secondo i presìdi del libro

Ci sono libri che si fanno leggere e poi ci chiamano ancora, per essere riletti: restano con noi nel tempo, lasciandosi amare. I libri che io torno a cercare periodicamente sono pochi, una decina al massimo: sono quelli che porterei con me su un’isola deserta, per farmi accarezzare dalla bellezza delle parole, dalla densità della scrittura, dalla potenza delle storie…. Leggi tutto

Maria Pia Romano

Maria Pia Romano è nata a Benevento nel 1976, è iscritta all’Albo dei giornalisti dal 2000. Collabora con testate regionali e nazionali e si occupa di comunicazione pubblica e comunicazione scientifica, uffici stampa e organizzazione di eventi.

Ha all’attivo quattro raccolte di poesie, “Linfa” (LiberArs, 1998), “L’estraneo” (Manni, 2005), “Il funambolo sull’erba blu”, (Besa 2008) e “La settima stella” (Besa 2008) e i romanzi “Onde di Follia” (Besa 2006), “L’anello inutile” (Besa 2011-2012-215), che ha ottenuto le Tre penne di Billy il Vizio di leggere, Rai 1, e finalista Premio Nabokov; “La cura dell’attesa” (Lupo 2013), vincitore Premio Libriamola 2013, Premio Carver, Premio Il Tombolo Città di Cantù e Premio Città di Mesagne, finalista Premio Essere Donna Oggi 2016; e “Dimmi a che serve restare” (Il Grillo editore 2015).

Ha ricevuto riconoscimenti in campo nazionale e internazionale per i suoi lavori. Le sue poesie sono inserite nel Museo della Poesia di Perla Cacciaguerra a Cesa. È stata tradotta da Amina Di Munno e Cassio Junqueira per il festival della letteratura italiana in Brasile del 2011.

Utenti online